La montagna in treno

Le principali compagnie ferroviarie propongono innumerevoli destinazioni montane.
Scopriamo insieme cinque paradisi innevati da raggiungere comodamente lasciando l’auto a casa.

  1. Pila: Treno per Aosta e telecabina conducono direttamente a Pila, che è in assoluto la stazione sciistica più facile da raggiungere. Offre tante attività outdoor, dallo sci allo snowboard, dal freeride al carving. Dopo le piste, possono gustarsi ottimi prodotti locali, dalla fontina alla toma, accompagnati dai vini DOC valdostani.
  2. Cortina: Treno da Venezia Mestre per Calalzo-Pieve di Cadore-Cortina, pulmann e si giunge al comprensorio sciistico. Cortina è amata per il suo paesaggio naturale straordinario e naturalmente anche per lo sport: discese su neve fresca, sci-alpinismo e gite su ciaspole. Infine, non manca il lato più mondano: shopping di tendenza, arte, artigianato di qualità e locali in cui ballare fino a tarda notte.
  3. Bardonecchia: è possibile raggiungerla in treno dalla stazione di Torino Porta Nuova in poco più di un’ora. Possiede 23 impianti di risalita e 100 km di piste destinate a qualsiasi disciplina invernale. Bardonecchia è un paradiso anche per i più piccoli. Impossibile non lasciarvi conquistare.
  4. Tre Cime Dolomiti. Si trova in alto Adige ed è comodamente raggiungibile con un treno per Bolzano. Lì troverete i massicci rocciosi delle Dolomiti, così suggestivi da aver convinto l'Unesco a dichiararli Patrimonio Naturale. Oltre a sciare su piste da urlo potrete andare alla scoperta dei tesori artistici della zona, come il capolavoro romanico della collegiata di San Candido.
  5. Limone. È uno dei capolavori delle Alpi Meridionali. Ci si arriva facilmente in meno di 2 ore di treno da Ventimiglia. Arrivati in paese, la cabinovia conduce direttamente alla Riserva Bianca. È possibile praticare qualsiasi tipo di sport invernale nei suoi lunghissimi 56 km di piste.
    Se si preferisce il relax, i paesaggi naturalistici che questa meta offre vi lasceranno a bocca aperta.
Giuseppe Simeoli

Capacità professionali, brillante oratoria e sensibilità estrema gli hanno consentito di accrescere, tra gli stakeholder, la sua leadership. Gli manca solo il potere di leggere nella mente degli interlocutori e per lui non ci sarebbero limiti!

Ultimi articoli di Giuseppe Simeoli

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.